Compiuta giacenza, effetti giuridici, rilevanza processuale, Fisco

COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE FIRENZE, sentenza del 17 ottobre 2011 – – L’ipotesi di mancato ricevimento non può, ad avviso del Collegio, rinvenirsi nella compiuta giacenza che invece è situazione, anche di rilevanza processuale, in grado di produrre effetti giuridici nella sfera del destinatario (qui, il contribuente)


giustizia-www-iussit-com

Fisco

ACCERTAMENTO – INVITO A COMPARIRE

NOTIFICAZIONE
Compiuta giacenza
Effetti giuridici – Rilevanza processuale

[Commissione Tributaria Regionale Firenze,
sentenza N. 69 del 17 ottobre 2011]

“Motivi della decisione
Premesso che la ammissione alla procedura di accertamento per adesione gode di presunzione assoluta ed il mancato ricevimento da parte del contribuente dell’invito a comparire produce effetti pregiudizievoli al suo diritto soggettivo ad avvalersi della procedura in questione (cfr. anche Cass. 18787/2006), va, ai fini di specie, valutato se l’ipotesi di mancato ricevimento dell’invito in questione possa o meno rinvenirsi nella compiuta giacenza della raccomandata inviata dall’Ufficio ai ridetti fini.
L’ipotesi di mancato ricevimento non può, ad avviso del Collegio, rinvenirsi nella compiuta giacenza che invece è situazione, anche di rilevanza processuale, in grado di produrre effetti giuridici nella sfera del destinatario (qui, il contribuente).
Infatti, a tanto concedere alle argomentazioni della parte privata circa la natura amministrativa dell’invito a comparire (con ogni conseguenza in punto di notifica), va osservato come, a seguito della sentenza resa dalla Corte Cost. 3/2010, dichiarativa della illegittimità costituzionale dell’art. 140 c.p.c., la notifica effettuata ai sensi di tale disposizione si perfeziona, per il destinatario, o col ricevimento della raccomandata informativa della giacenza, se anteriore al suo maturarsi, ovvero, in caso contrario, col decorso del termine di giorni dieci dalla spedizione (cfr. anche Cass. 4748/2011 – Cass. 7809/2010) di modo che la compiuta giacenza non può aver supplenza del mancato ricevimento, ma deve, al contrario, considerarsi circostanza in positivo ai fini della regolare notifica nelle ridette ipotesi.”