Delibera condominio invalida, sostituita da altra regolare

Tribunale Napoli, sentenza 31.07.2015 n. 11001 – – Impugnativa delibera assemblea condominio per mancata convocazione condomini – onere prova regolarità convocazione a carico condominio


giustizia-www-iussit-com

 

 

 

 

Tribunale Napoli, sentenza n. 11001 del 31.07.2015
Got Dott.ssa Rita Nissim —

Impugnativa delibera assemblea condominio per mancata convocazione condomini – onere prova regolarità convocazione a carico condominio – sostituzione delibera con altra valida

Non può essere dichiarato l’annullamento di una delibera condominiale invalida sostituita da altra regolare, in applicazione analogica dell’art. 2377 c.c.

Dichiarazione di cessata materia del contendere – soccombenza virtuale – condanna alle spese di giudizio

 

Testo:
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
IL TRIBUNALE DI NAPOLI
Ex Sezione Distaccata di CASORIA
nella persona del Giudice Onorario di tribunale, Dott.ssa Rita Nissim, in funzione di Giudice Unico, ha pronunciato la seguente
SENTENZA
nella causa civile iscritta al n. R.G., avente ad oggetto: ” impugnativa delibera condominiale, riservata in decisione all’udienza del 20.04.2015, e
vertente
TRA
Mevio M. E Sempronio M. e CAIO S. , rappresentati e difesi dall’Avv. , presso il cui studio in … elettivamente domiciliano, mandato in atti
OPPONENTI
E
Condominio di via …, in persona dell’amm.re p.t. sig. … , rappresentato e difeso dagli Avv.ti .. e …, presso il cui studio è domiciliato, in …, mandato in atti
OPPOSTO
CONCLUSIONI
Come da verbale di udienza che si intendono integralmente riportati e trascritti.
SVOLGIMENTO DEL PROCESSO
I ricorrenti hanno impugnato la delibera del 14.12.2007 per essere stato il deliberato adottato senza la loro convocazione.
Il condominio costituitosi tempestivamente eccepiva la cessata materia del contendere essendo stata convocata una nuova assemblea condominiale la quale provvedeva a confermare in data 27.2.08 la delibera impugnata.
La causa, mutato il giudicante, all’udienza del 20.04.15 veniva assegnata a sentenza con i termini di legge.
MOTIVI DELLA DECISIONE
Nel merito, il convenuto condominio non ha offerto la prova dell’avvenuta regolare comunicazione agli istanti della delibera impugnata. Come chiarito dalla giurisprudenza di legittimità, l’onere di provare che tutti i condomini siano stati tempestivamente convocati per l’assemblea condominiale grava sul condominio, non potendosi addossare al condomino che deduca l’invalidità dell’assemblea la prova negativa dell’inosservanza di tale obbligo. La prova gravante sul condominio può anche essere fornita tramite presunzioni e, tuttavia, non si può attribuire al comportamento dei condomini intervenuti, che nulla al riguardo abbiano eccepito, valore presuntivo della ricezione dell’avviso di convocazione anche da parte dei condomini non intervenuti. Sez. 2, Sentenza n. 24132 del 13/11/2009 (Rv. 610939).
Non risulta che tale delibera sia stata annullata o sospesa. Ne consegue la cessazione della materia del contendere. Va ricordato, infatti, che non può essere dichiarato l’annullamento di una delibera condominiale invalida sostituita da altra regolare, in applicazione analogica dell’art. 2377 c.c. (cfr. Cass. Sez. 2, Sentenza n. 6304 del05/06/1995 (Rv. 492680).
La causa è stata ritenuta in decisione esclusivamente per la pronuncia sulle spese di giudizio.
La cessazione della materia del contendere postula il venir meno durante l’iter processuale di ogni posizione di contrasto tra i contendenti, salvo l’eventuale sopravvivenza della questione delle spese di giudizio da risolversi con il criterio della soccombenza virtuale (Cass. 14 aprile 1995, n. 4278).
Infatti la declaratoria di cessazione della materia del contendere non esime il giudice dal provvedere sulle spese dell’intero giudizio, attribuendo dette spese all’una o all’altra parte secondo il criterio della soccombenza virtuale (Cass, 9 aprile 1997, n. 3075), laddove all’atto della proposizione della domanda attorea risultino sussistenti i fatti costitutivi della stessa.
Nella specie, l’onere di provare che i condomini opponenti siano stati tempestivamente convocati per l’assemblea condominiale del 14.12.07 gravava sul condominio, ma tale prova non è stata offerta.
Il convenuto Condominio va, dunque, condannato alle spese del giudizio.
P.Q.M.
Il Tribunale di Napoli – sezione stralcio civile, ex sezione distaccata di Casoria -, decidendo sulla domanda come in epigrafe proposta e tra le parti ivi indicate, disattesa ogni diversa domanda ed eccezione, così provvede:
a) Dichiara cessata la materia del contendere tra le parti.
b) – condanna il Condominio convenuto al pagamento delle spese di lite in favore degli attori liquidate complessivamente in €. 110,00 per esborsi, €. 800,00 per compensi professionali oltre IV A e CP A come per legge, con attribuzione all’Avv. … dichiaratosi anticipatario.
Così deciso in Napoli in data 31.07.2015.
IL G.O.T.
Dott.ssa Rita Nissim

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi