Estratto di ruolo, opposizione ex art. 615 cpc

Giudice di Pace di Napoli, sentenza del 16 ottobre 2017 – Cartella esattoriale – notifica – estratto di ruolo – opposizione ex art. 615 c.p.c. avverso il solo estratto di ruolo in relazione a cartella esattoriale emessa per la riscossione di sanzioni amministrative derivanti dalla violazione del Codice della Strada – mancata notifica della cartella esattoriale …

giustizia-www-iussit-com

Estratto di ruolo – opposizione art. 615 cpc

Giudice di Pace di Napoli, Dr.ssa Ida Della Rocca
sentenza del 16 ottobre 2017

Cartella esattoriale – notifica – estratto di ruolo – opposizione ex art. 615 c.p.c. avverso il solo estratto di ruolo in relazione a cartella esattoriale emessa per la riscossione di sanzioni amministrative derivanti dalla violazione del Codice della Strada – mancata notifica della cartella esattoriale – mancata notifica del verbale presupposto alla cartella esattoriale – ammissibilità dell’impugnazione del ruolo e/o della cartella esattoriale non regolarmente notificata – prescrizione del diritto di riscossione rappresentato dalla cartella esattoriale

.

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
IL GIUDICE DI PACE DI NAPOLI
Dr.ssa Ida Della Rocca, della IV Sezione Civile,
ha pronunciato la seguente
S E N T E N Z A
nella causa civile iscritta al n. del Ruolo Generale degli Affari Contenziosi nell’anno 2017
avente ad oggetto: opposizione ex art. 615 c.p.c. vertente
Tra
AXX TIZIO, c.f. …, elett.te domiciliata in Marano di Napoli, … , presso lo studio degli avv.ti Bxx Cxx e Dxx Cxx, che lo rapp.tano e difendono giusta procura in calce all’atto introduttivo; ( Attore)
Contro
AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE (successore universale ex art. 110 c.p.c. di EQUITALIA Servizi di riscossione spa), P.Iva …, in persona del legale rapp.te pro tempore, con sede in Roma, … ; (Convenuta contumace)
Nonché
PREFETTURA DI ROMA, c.f. …, in persona del Prefetto p.t., corrente in Roma, … ope legis presso l’Avvocatura Generale dello Stato; (convenuta contumace)
CONCLUSIONI
Le parti concludevano come da verbali di causa.
MOTIVI DELLA DECISIONE
Preliminarmente, deve darsi atto che la presente sentenza viene estesa senza la puntuale esposizione dello svolgimento del processo, atteso che, a norma dell’art. 132 c.p.c., comma 2, n°4 come novellato a seguito dell’art. 45, comma 17, L. 69/2009, la sentenza deve contenere unicamente “ la concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione”.
Pertanto essa viene redatta indicando succintamente le ragioni di fatto e di diritto della decisione, ben precisando che, trattandosi di disposizione normativa dettata con evidente finalità di accelerazione ai fini della produzione della sentenza, deve ritenersi consentito al giudice di pronunciare quest’ultima, considerando integralmente richiamati dalla presente pronuncia sia l’atto introduttivo, sia la comparsa di costituzione della convenuta, sia gli altri scritti difensivi delle parti ed i verbali delle udienze in cui la causa è stata trattata, istruita e discussa.
Con atto di citazione ex art. 615 c.p.c., l’istante proponeva opposizione all’esecuzione avverso l’estratto di ruolo depositato in atti ed afferente il presunto pagamento della cartella esattoriale n. … emessa a seguito di sanzioni amministrative per la violazione del C.d.S.
In particolare, l’opponente contestava il diritto delle parti convenute ad agire in executivis eccependo, la mancata notifica della stessa ed eccependo, inoltre, la mancata notifica dei verbali presupposti alle cartelle ivi contenute nell’estratto di ruolo. Con vittoria di spese.
Preliminarmente va dichiarata la contumacia dei convenuti ritualmente citati e non comparsi.
Deve riconoscersi la legittimazione attiva dell’attore che ha l’interesse giuridico alla rimozione di un provvedimento del quale è direttamente destinatario e quella passiva concorrente del concessionario del servizio di riscossione – quale soggetto dal quale proviene l’atto oggetto dell’opposizione – e dell’ente impositore, quale soggetto che ha azionato il credito per violazione del codice della strada.
Sussiste quindi la competenza territoriale, per materia e per valore del Giudice di Pace adito in ordine all’atto impugnato.
Per quanto attiene alla proponibilità della domanda giova rammentare che, la Corte Suprema di Cassazione a SS.UU. con la sentenza n°19704/15 ha definitivamente affermato l’ammissibilità dell’impugnazione del ruolo (e/o della cartella), che non sia stata validamente notificata e dalla quale il contribuente sia venuto a conoscenza attraverso l’estratto di ruolo.
In applicazione del principio della ragione più liquida che “ … consente di sostituire il profilo di evidenza a quello dell’ordine delle questioni da trattare, di cui all’art. 276 c.p.c., in una prospettiva aderente alle esigenze di economia processuale e di celerità del giudizio, costituzionalizzata dall’art. 111 cost., con la conseguenza che la causa può essere decisa sulla base della questione ritenuta di più agevole soluzione, anche se logicamente subordinata senza che sia necessario esaminare previamente le altre”, Cass. Civ. sent. n. 12002/2014, si affronterà in primis, la questione relativa all’intervenuta prescrizione del diritto a riscuotere le somme ivi contenute nella cartella de quo, invocata dall’opponente.
Considerato che la convenuta Agenzia delle Entrate – riscossione nulla ha depositato in merito alla regolare notifica della cartella opposta l’opposizione proposta è fondata.
Allo stato, la cartella esattoriale impugnata risulta, per tabulas, inesorabilmente prescritta per decorso del termine quinquennale ex art. 209 c.d.s. e 28 L. 689/81.
Essendo tale motivo assorbente, appare ultroneo l’esame delle altre doglianze.
Le spese di lite seguono la soccombenza e vengono liquidate come da dispositivo ai sensi del D.M. 55/14, con attribuzione agli avv.ti Bxx Cxx e Dxx Cxx, dichiaratasi antistatario delle stesse e tenendo conto del valore della presente controversia
P.Q.M.
Il Giudice di Pace di Napoli, dott.ssa Ida Della Rocca, definitivamente pronunciando, sulla domanda proposta dall’opponente nei confronti dell’Agenzia delle Entrate – riscossione e degli enti impositori, contrariis reiectis, così provvede:
– Dichiara la contumacia della Prefettura di Roma e dell’Agenzia delle Entrate – riscossione;
– in accoglimento della domanda giudiziale, annulla il ruolo esattoriale portato dalla cartella di pagamento n. … , emessa per le contravvenzioni alle norme del codice della strada, ed alle sanzioni in essa irrogate, dichiarando estinto il credito ivi portato.
– Condanna solidalmente i Convenuti al pagamento delle spese processuali che liquida in complessivi € 200/00 oltre € 43/00 per esborsi sostenuti, rimborso spese generali, I.V.A. e Cassa Previdenza Avvocati come per legge;
– Dispone la distrazione delle spese e competenze di lite come sopra liquidate, in favore degli avv.ti Bxx Cxx e Dxx Cxx difensori di parte attrice, antistatari delle stesse.
– La presente sentenza deve essere dichiarata provvisoriamente esecutiva ai sensi dell’art. 282 c.p.c.
Così deciso in Napoli, 16 ottobre 2017
Il Giudice di Pace
Dr.ssa Ida Della Rocca
.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi