Obblighi assistenza familiare, stato di bisogno, riduzione assegno

[Tribunale Penale di Nola, sentenza del 23 maggio 2014] Violazione degli obblighi di assistenza familiare: aiuto dei familiari e saltuari guadagni dell’alimentando – sussistenza comunque dello stato di bisogno // Violazione degli obblighi di assistenza familiare: riduzione dell’assegno – sussistenza del reato.

 

 

 

 

[Tribunale Penale di Nola, GOT Dott. Sabato, sentenza del 23 maggio 2014, n. …]

(Note di    Avv.  Angelo Pignatelli)

 

Violazione degli obblighi di assistenza familiare: aiuto dei familiari e saltuari guadagni dell’alimentando – sussistenza comunque dello stato di bisogno.
(art. 570 c.p.)

Sussiste lo stato di bisogno della persona offesa anche ove la stessa ha provveduto con le proprie forze e con quelle dei propri familiari al sostentamento proprio e dei figli; tra l’altro lo stato di bisogno dell’alimentando non è escluso da eventuali mediocri, saltuari ed incerti guadagni che l’avente diritto è costretto a procurarsi per sopperire alla omissione dell’obbligato, nè dal fatto che la persona avente diritto alla somministrazione dei mezzi di sussistenza si sia procacciata tali mezzi con il proprio lavoro.

***

Violazione degli obblighi di assistenza familiare: riduzione dell’assegno – sussistenza del reato.
(art. 570 c.p.)

Un versamento parziale dell’assegno disposto a favore dei minori, non è in grado di escludere la responsabilità penale dell’agente. Sul punto è intervenuta la S.C. affermando che il corretto adempimento dell’obbligazione gravante sul genitore in favore dei minori consiste nella dazione dei mezzi di sussistenza, nella qualità e nel valore fissato dal giudice e comporta, di necessità ed agli effetti dell’applicazione dei disposti normativi dell’art. 570 cpv n. 2 c.p., l’apprestamento solo ed esclusivamente di quel bene o di quel valore che il giudice della separazione o del divorzio ha ritenuto di determinare, nel dialettico confronto delle parti e nel superiore interesse del soggetto debole, oggetto di tutela privilegiata. Non è pertanto consentito al soggetto obbligato, di autoridurre l’assegno disposto a favore dei minori, salva la sua comprovata incapacità di far fronte all’impegno.

 

 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi