Opposizione a decreto ingiuntivo, documenti fascicolo monitorio

Tribunale di Napoli, sentenza del 3 giugno 2010 – – – Opposizione a decreto ingiuntivo  –  Prescrizione decennale del diritto vantato – Accoglimento  //  Mancata precisazione delle conclusioni  –  Procura ad litem, rappresentanza processuale delle persone giuridiche – Eccezione di incompetenza per territorio –   Documenti presenti nel fascicolo della fase monitoria


 

giustizia-www-iussit-com

 

.
Opposizione a decreto ingiuntivo
 
 Documenti del fascicolo della fase monitoria
 
[ Tribunale di Napoli,  Dott. Francesco Graziano
sentenza del 3 giugno 2010 ]
 ——————————
Opposizione a decreto ingiuntivo – Prescrizione decennale del diritto vantato – Accoglimento // Mancata precisazione delle conclusioni – Procura ad litem, rappresentanza processuale delle persone giuridiche – Eccezione di incompetenza per territorio –   Documenti presenti nel fascicolo della fase monitoria
 
E’ a carico della parte l’onere di costituirsi in giudizio depositando il fascicolo contenente i documenti offerti in comunicazione nell’ambito della fase monitoria. In difetto di tale produzione, essa non entra a fare parte del fascicolo d’ufficio (relativo al giudizio di opposizione avverso il decreto ingiuntivo) e il giudice non può tenerne conto
 

 


Nella Sentenza
 
Mancata precisazione delle conclusioni (vedi anche documenti correlati >>>)
>> … , priva di rilevanza deve ritenersi la mancata precisazione delle conclusioni, all’odierna udienza, da parte dell’opponente sig. Meviox Pxx, il cui difensore non è comparso, atteso che, com’è noto, tale mancanza non implica rinuncia alle domande ed eccezioni, bensì conferma delle conclusioni già in precedenza formulate, operando una presunzione per la quale il giudice deve esaminare le conclusioni del primo atto della parte o quelle successivamente modificate o integrate, le quali deve ritenersi siano rimaste ferme (cfr., in tal senso ed ex permultis, Tribunale di Torino, 5 marzo 2001
 
Procura ad litem (vedi anche:  documenti correlati  >>>  – Procura >>> )
>> …  deve essere certamente disattesa l’eccezione di nullità della procura ad litem conferita al difensore dell’opposta società Fiat Auto S. p. A. Ed invero, come chiarito dal supremo organo di nomofilachia, in tema di rappresentanza processuale delle persone giuridiche, la persona fisica che abbia conferito il mandato al difensore non ha l’onere di dimostrare tale sua qualità, neppure nel caso in cui l’ente si sia costituito in giudizio (com’è certamente nel caso di specie) per mezzo di persona diversa dal legale rappresentante e l’organo che abbia conferito il potere di rappresentanza processuale derivi tale potestà dall’atto costitutivo o dallo statuto, poiché i terzi hanno la possibilità di verificare il potere rappresentativo consultando gli atti soggetti a pubblicità legale e, quindi, spetta a loro fornire la prova negativa (cfr., in tal senso, Cass., SS. UU., 1° ottobre 2007, n. 20596).
 
Eccezione di incompetenza per territorio  (vedi anche  documenti correlati >>> )
>> … da disattendere risulta, senza dubbio alcuno, l’eccezione di incompetenza per territorio sollevata dalla parte opponente. Ed invero, come più volte precisato dalla giurisprudenza di legittimità, nelle cause relative a diritti di obbligazione, al foro generale delle persone fisiche e giuridiche (cosiddetto forum rei: artt. 18 e 19 cod. proc. civ.) si aggiungono il cosiddetto forum contractus ed cosiddetto il forum destinatae solutionis (art. 20 cod. proc. civ.) e spetta poi all’attore la scelta di uno di essi: il convenuto ha l’onere di contestare, nel primo suo atto difensivo del giudizio di primo grado (ora a pena di decadenza nella comparsa di risposta a norma dell’art. 38, comma secondo, cod. proc. civ.) la competenza del giudice adito sotto tutti i possibili profili e cioè in riferimento a tutti e tre i menzionati fori, con la conseguenza che, ove ometta o ritardi tale contestazione, la competenza resta radicata presso il giudice adito con riferimento al foro non contestato (cfr., in tal senso ed ex permultis, Cass. 27 novembre 1998, n. 12033).
 
Prescrizione decennale  (vedi anche documenti correlati >>> )
>> … passando alla disamina del merito della res controversal’opposizione è fondata e deve, pertanto, trovare accoglimento. Ed invero, l’opponente ha tempestivamente eccepito la prescrizione decennale (art. 2946 cod. civ.) del diritto vantato dalla società opposta e fatto valere mediante l’azione monitoria, evidenziando, in particolare, di non avere ricevuto alcun atto di costituzione in mora prima della missiva pervenuta in data 22 marzo 2006.
 
Documentazione presente nel fascicolo della fase monitoria
… Né, del resto risulta possibile tenere conto della documentazione contenuta nel fascicolo di parte relativo alla fase monitoria, giacché quest’ultimo risulta essere stato prodotto, nell’ambito del presente giudizio, soltanto in data 29 dicembre 2009 e, dunque, in un momento in cui la produzione di documenti doveva considerarsi già abbondantemente preclusa, in quanto successivo alla pronuncia dell’ordinanza mediante la quale – sulla base delle stesse richieste avanzate da ambedue le parti nel corso dell’udienza ex art. 183 cod. proc. civ. – era stata fissata l’udienza di precisazione delle conclusioni.  Peraltro, non può farsi a meno di porre in rilievo come, secondo quanto più volte chiarito dalla giurisprudenza di legittimità, la documentazione posta a fondamento del ricorso per decreto ingiuntivo sia destinata, per effetto dell’opposizione al decreto e della trasformazione in giudizio di cognizione ordinaria, ad entrare nel fascicolo del ricorrente, restando a carico della parte l’onere di costituirsi in giudizio depositando il fascicolo contenente i documenti offerti in comunicazione nell’ambito della fase monitoria. Ne consegue che in difetto di tale produzione, essa non entra a fare parte del fascicolo d’ufficio (relativo al giudizio di opposizione avverso il decreto ingiuntivo) e il giudice non può tenerne conto  …
 
 
 
 
REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Tribunale di Napoli
Sezione OTTAVA CIVILE
nella persona del Giudice Monocratico dott. Francesco Graziano, al termine dell’udienza di discussione orale del 03 giugno 2010 ha pronunziato, mediante lettura del dispositivo e della concisa esposizione delle ragioni di fatto e di diritto della decisione, ai sensi dell’art. 281-sexies cod. proc. civ., la seguente
sentenza
nella causa civile iscritta al numero 31160/2009 del Ruolo Generale Affari Contenziosi dell’anno 2009, avente ad oggetto opposizione a decreto ingiuntivo  (…)
 
 
[ Leggi SENTENZA >>> ]
——————-
vedi anche:
.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi