Protezione internazionale e inefficacia decreto respingimento

Tribunale Catania, Sez. I, ordinanza del 6 dicembre 2016 – – Stranieri – immigrazione – pendenza procedura di richiesta di protezione internazionale innanzi Commissione Territoriale – inefficacia del decreto di respingimento alla frontiera emesso dalla Questura


giustizia-www-iussit-com

 

Tribunale Catania, sez. I, Dr. Commandatore, 6 dicembre 2016, ordinanza n.19823

Segnalazione dell’Avv. Luigi Migliaccio

Alla luce del disposto di cui all’art.10, comma 4, d.lgs. 286/1998 e della giurisprudenza della Suprema Corte di Cassazione (ex multis: ord. n.14268/2014), deve essere dichiarato inefficace (pur se legittimo al momento della sua emanazione) il decreto di respingimento alla frontiera emesso dalla Questura, quando sia pendente innanzi la Competente Commissione Territoriale la procedura di richiesta di protezione internazionale ai sensi dell’art.7, d.lgs. 25/2008.

 

Testo
Il Tribunale di Catania, in composizione monocratica, nella persona del giudice Dott. Calogero Commandatore,
visti gli artt. 702 bis e 702 ter c.p.c., ha pronunciato la seguente ordinanza
(omissis)
Con ricorso ritualmente proposto dinnanzi al Tribunale di Catania (…)impugnava il decreto di respingimento differito con accompagnamento alla frontiera emesso dal Questore della Provincia di Catania ai sensi dell’art 10, comma 2°, lett. A), d.lgs. n. 286/1998. L’Amministrazione statale si costituiva tramite l’Avvocatura dello Stato chiedendo il rigetto del ricorso.
(omissis)
… secondo l’insegnamento costante della giurisprudenza amministrativa e della dottrina più attenta la legittimità del provvedimento amministrativo va accertta con riferimento allo stato di fatto e di diritto esistente al momento della sua emanazione, escludendo la possibilità di configurare l’invalidità sopravvenuta (Cons. Stato, Sez. III, n. 4059/2015).
In tali casi, allora, la rilevanza del disposto di cui all’art.10, 4° comma dell’art.10 può apprezzarsi in relazione agli effetti dell’atto (perfettamente valido)da considerarsi inefficace in ragione del procedimento iniziato dinnanzi alla Commissione Territoriale ai sensi dell’art.7, d.lgs. 25/2008.
Tale soluzione appare confortata dalla giurisprudenza della Suprema Corte secondo cui il sopravvenuto accoglimento della domanda di protezione rende automaticamente inefficace e ineseguibile (ma non illegittimo) il provvedimento di espulsione (Cass. n. 14268/2014, ord.).
(omissis
P.Q.M.
Il Tribunale (omissis) dichiara l’inefficacia del provvedimento amministrativo impugnato.

.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi