Ricettazione: elemento psicologico, dolo eventuale

TRIBUNALE NOLA, sentenza del 27 ottobre 2017 – – – Ricettazione: elemento psicologico // L’elemento psicologico della ricettazione può essere integrato anche dal dolo eventuale

giustizia-www-iussit-com

Ricettazione
Elemento psicologico – dolo eventuale – accertamento – criteri
(art. 648 c.p.)

Tribunale Nola, G.OT. Dott. Sabato, sentenza 27 ottobre 2017

 

L’elemento psicologico della ricettazione può essere integrato anche dal dolo eventuale, che è configurabile in presenza della rappresentazione, da parte dell’agente, della concreta possibilità e non del mero sospetto della provenienza della cosa da delitto e della relativa accettazione del rischio; e ai fini della configurabilità del reato di ricettazione la prova poi dell’elemento soggettivo può essere raggiunta anche sulla base dell’omessa – o non attendibile – indicazione della provenienza della cosa ricevuta, la quale è sicuramente rivelatrice della volontà di occultamento, logicamente spiegabile con un acquisito in mala fede. (Cass. Sez. 2, 27.2.97, savic, 207313); in tal caso, la ricorrenza dell’elemento indicativo del dolo non viene affermata sulla base della stigmatizzazione negativa della legittima scelta dell’imputato di tacere, ma sulla base del fatto oggettivo che lo stesso non ha ritenuto di dare alcuna spiegazione in ordine alle circostanze e alle modalità nelle quali e con le quali ebbe ricevere la cosa provento di delitto.
.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi