Sinistro stradale, immissione nel flusso della circolazione

Giudice di Pace di Napoli, sentenza del 31 luglio 2017 – – – Sinistro stradale – immissione veicolo nel flusso della circolazione con partenza da posizione di sosta – omissione precedenza ai veicoli in transito – responsabilità – risarcimento danni

giustizia-www-iussit-com

Danni da circolazione stradale

Giudice di Pace di Napoli, dott. Ida della Rocca, sentenza del 31 luglio 2017

Sinistro stradale – immissione veicolo nel flusso della circolazione con partenza da posizione di sosta – omissione precedenza ai veicoli in transito – responsabilità – risarcimento danni

___

REPUBBLICA ITALIANA
IN NOME DEL POPOLO ITALIANO
Il Giudice di Pace di Napoli dott. Ida della Rocca ha pronunciato la seguente
SENTENZA
nella causa civile iscritta al n. …/2014 RG. contenzioso, vertente
TRA
AAX TIZIOX, c.f. … , e BXX CAIOX, c.f. … , elett.te dom.ti in Napoli, … presso lo studio dall’avv. …, che li rappresenta e difende in virtù di procura a margine della comparsa di costituzione di nuovo difensore,
ATTORI,
E
AAAA BBBB ASSICURAZIONI S.P.A., in persona del legale rappresentante pro-tempore, elettivamente domiciliata in Napoli, …, presso lo studio dell’avv…., in virtù di procura in atti,
CONVENUTA
NONCHE’
BXX SEMPRONIO, res.te in Pozzuoli (NA), …
CONVENUTO CONTIMACE
Avente ad oggetto: risarcimento danni.
Conclusioni: come da verbale di causa e atti difensivi.
MOTIVI DELLA DECISIONE
Dopo aver esaminato gli atti di causa e prima di procedere ad ogni loro valutazione, deve darsi atto che la presente sentenza viene estesa senza la concisa esposizione dello “svolgimento del processo” e, dunque, ai sensi del combinato disposto degli artt. 132 c.p.c. e 118 disp. att. c.p.c., e pertanto essa viene redatta indicando succintamente le ragioni di fatto e di diritto della decisione, ben precisando che, trattandosi di disposizione normativa dettata con evidente finalità di accelerazione ai fini della produzione della sentenza, deve ritenersi consentito al giudice di pronunciare quest’ultima, considerando integralmente richiamati dalla presente pronuncia sia l’atto introduttivo, sia la comparsa di costituzione delle resistenti, sia gli altri scritti difensivi delle parti ed i verbali delle udienze in cui la causa è stata trattata, istruita e discussa.
Gli attori Aax Tiziox e Bxx Caiox, il primo quale proprietario dell’auto Fiat Punto targata (…), il secondo quale proprietario dell’auto Fiat Cinquecento targata (…),chiedono con il presente giudizio, previo accertamento della responsabilità del conducente dell’autoveicolo Volkswagen Golf targato (…), di proprietà del convenuto Bxx Sempronio, la condanna della AAAA BBBB, quale compagnia assicuratrice della Volkswagen Golf, al pagamento del risarcimento dei danni riportati nel sinistro verificatosi il giorno 20/10/2012, alle ore 19,30, in Pozzuoli (NA), alla via ….Più precisamente, gli attori deducono che, nelle circostanze di tempo e di luogo innanzi esposte,nel mentre la Fiat Punto del Tiziox procedeva per la predetta via con direzione verso via …, veniva urtata nella fiancata destra dalla Volkswagen Golf del Sempronio, il cui conducente, nel ripartire da una posizione di sosta, si immetteva improvvisamente nel flusso della circolazione senza dare precedenza ai veicoli in quel momento in transito. In conseguenza dell’urto ricevuto la Fiat Punto veniva sospinta verso sinistra andando a collidere nella parte laterale anteriore destra la Fiat Cinquecento del Caiox.
Alla domanda resiste l’impresa convenuta che contesta il verificarsi del fatto.
Va dichiarata preliminarmente la contumacia del convenuto Bxx Sempronio, non costituitosi in giudizio benchè regolarmente citato, e la proponibilità delle domande avendo gli attori provato (con racc.te A/R agli atti) di avere ottemperato al disposto dell’art. 148 Dlgs 209/05 e di avere atteso il termine ivi previsto per l’instaurazione del presente giudizio. Sotto il profilo del contenuto, tali richieste risarcitorie presentano tutti i requisiti minimi, sia soggettivi che oggettivi, necessari per una valida costituzione in mora, in ciò perfettamente conformandosi al dettato legislativo dell’art. 148Dlgs 209/05, ispirato alla ratio di consentire all’assicuratore la valutazione del fondamento delle pretese degli attori.
Nel merito le domande sono fondate e meritano, per quanto di ragione, accoglimento così come precisato nella motivazione che segue.
Va osservato che risultano provate per tabulas e per facta concludentia sia la titolarità attiva degli attori che quella passiva del convenuto Sempronio e della AAAA BBBB.
Nel caso in esame è emerso, attraverso le dichiarazioni rese dal teste Zzxx escusso alla udienza del 4/12/2015 – della cui attendibilità, peraltro in assenza di altri elementi contrastanti, non vi è motivo di dubitare – dalla contumacia del convenuto Bxx Sempronio e dalla espletata C.T.U., che i fatti di causa siano stati ampiamente provati, che la dinamica del sinistro risulta univoca e coerente, che il sinistro si è verificato per la errata ed imprudente manovra di immissione nel flusso della circolazione da parte del conducente della Volkswagen Golf, che – violando le disposizioni di cui agli artt. 140, 141, 145 e 154 del codice della strada -nel ripartire da una posizione di sosta, ometteva di concedere la dovuta precedenza alla Fiat Punto dell’Tiziox ed alla Fiat Cinquecento del Caiox, veicoli in quel momento in transito, e che non vi è stato alcun concorso di colpa da parte degli attori.
Va, quindi, affermata la esclusiva responsabilità ex art. 2054 c.c. 1° comma, del conducente della Volkswagen Golf targato (…), di proprietà del convenuto Bxx Sempronio.
Quanto poi al rapporto causale tra l’incidente de quo ed i danni riportati alla Fiat Punto dell’attore Tiziox ed alla Fiat Cinquecento dell’attore Caiox esso risulta emergere dalla dinamica del sinistro come sopra ricostruita in base alla deposizione del teste, dalle foto ritraenti i veicoli danneggiati, dalla CTU richiesta dalla AAAA BBBB ed espletata dal p.i. Xxxx, incaricato da questo giudicante.
Le domande degli attori Aax Tiziox e Bxx Caiox vanno, pertanto, accolte ma per quanto di ragione.
In ordine, infatti, all’entità dei danni subiti dalla Fiat Punto del Tiziox e dalla Fiat Cinquecento del Caiox elementi utili alla loro quantificazione si deducono dalla dinamica del sinistro come sopra accertata, dalla documentazione fotografica nonché dalla c.t.u., depositata in atti.
Orbene, questo giudice riconosce all’attore Aax Tiziox solo quanto accertato dal c.t.u. sia per ciò che riguarda la descrizione dei danni e la loro coerenza con la dinamica del sinistro sia per ciò che concerne la loro descrizione, tuttavia, considerati i prezzi correnti all’epoca sul mercato dei materiali e delle parti da sostituire, il costo della mano d’opera, il tempo necessario per le riparazioni, il tipo e la marca del veicolo,ritiene conforme a giustizia quantificare i danni subitinella misura di € 1.000,00, comprensiva di IVA.
La suddetta somma è liquidata al valore attuale e, pertanto, non è suscettibile di rivalutazione monetaria. Sulla detta somma sono dovuti gli interessi da lucro cessante nella misura dell’uno per cento calcolati, in applicazione del principio giurisprudenziale affermato dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione con la sentenza n. 1712 del 1995, non sull’importo liquidato all’attualità bensì sulla somma devalutata, in base agli indici ISTAT, al momento del fatto e rivalutata anno per anno a partire dal giorno del fatto fino alla data della pubblicazione della presente sentenza.
Sulla somma così determinata, sono inoltre dovuti gli interessi al tasso legale, da calcolare dalla data della pubblicazione della presente sentenza a quella della estinzione dell’obbligazione risarcitoria.
Il giudicante, per le motivazioni innanzi espresse, riconosce anche all’attore Bxx Caiox solo quanto accertato dal c.t.u. sia per ciò che riguarda la descrizione dei danni e la loro coerenza con la dinamica del sinistro sia per ciò che concerne la loro descrizione, tuttavia considerati i prezzi correnti all’epoca sul mercato dei materiali e delle parti da sostituire, il costo della mano d’opera, il tempo necessario per le riparazioni, il tipo e la marca del veicolo ritiene conforme a giustizia quantificare il danno subito dall’attore Caiox nella somma di €600,00, comprensiva di IVA.
Anche la suddetta somma è liquidata al valore attuale e, pertanto, non è suscettibile di rivalutazione monetaria. Sulla detta somma sono dovuti gli interessi da lucro cessante nella misura dell’uno per cento calcolati, in applicazione del principio giurisprudenziale affermato dalle Sezioni Unite della Corte di Cassazione con la sentenza n. 1712 del 1995, non sull’importo liquidato all’attualità bensì sulla somma devalutata, in base agli indici ISTAT, al momento del fatto e rivalutata anno per anno a partire dal giorno del fatto fino alla data della pubblicazione della presente sentenza.
Sulla somma così determinata, sono inoltre dovuti gli interessi al tasso legale, da calcolare dalla data della pubblicazione della presente sentenza a quella della estinzione dell’obbligazione risarcitoria.
Le spese di giudizio seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo a favore degli attori, rilevando che non vi è richiesta di attribuzione delle stesse a suo favore da parte del nuovo difensore degli attori (precedentemente difesi dall’avv. … …, con studio in Napoli, …) l’avv. … che non si è dichiarata antistataria delle stesse.
Le spese della CTU restano a carico della convenuta richiedente AAAA BBBB Ass.ni S.p.a. che le ha anticipate.
La sentenza, ai sensi dell’art. 282 c.p.c., è provvisoriamente esecutiva tra le parti.
P.Q.M.
Il Giudice di Pace, dott. Ida Della Rocca, nella causa tra Aax Tiziox e Bxx Caiox, attori, contro la AAAA BBBB Ass.ni S.p.a. e Bxx Sempronio, convenuti, definitivamente pronunciando, ogni altra istanza, difesa ed eccezione disattesa, così provvede:
a) dichiara Bxx Sempronio esclusivo responsabile del sinistro per cui è causa;
b) condanna la AAAA BBBB Ass.ni S.p.a., in persona del legale rappresentante p.t., in solido con Bxx Sempronio al pagamento in favore di Aax Tiziox della somma di €1.000,00, oltre gli interessi come in motivazione;
c) condanna la AAAA BBBB Ass.ni S.p.a.,in persona del legale rappresentante p.t., in solido con Bxx Sempronio al pagamento in favore di Bxx Caiox della somma di €600,00,oltre gli interessi come in motivazione;
d) condanna la AAAA BBBB Ass.ni S.p.a.,in persona del legale rappresentante p.t., in solido con Bxx Sempronio al pagamento, in favore degli attori delle spese di giudizio che si liquidano in €805,00 per compensi professionali, oltre I.V.A. e C.P.A. come per legge, oltre rimborso forfettario al 15% e di euro 140,00 per le spese del giudizio.
Dichiara la presente sentenza provvisoriamente esecutiva ex lege tra le parti.
Così deciso in Napoli in data 31/07/2017
Il Giudice di Pace
dott. Ida della Rocca

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi