Stranieri. Condizione di omosessuale, protezione sussidiaria

Corte d’Appello di Napoli, Sezione Persone e Famiglia,  sentenza 2 aprile 2014 – – –  Stranieri – Protezione internazionale –  Condizione di omosessuale (artt. 17 e ss.  d.lgs. 251/2007)

giustizia-www-iussit-com

 

[Corte d’Appello di Napoli, Sezione Persone e Famiglia, Rel. Dott. Annamaria D’Andrea,  sentenza 2 aprile 2014]

Stranieri – Protezione internazionale –  Condizione di omosessuale – Punizione prevista dal codice penale del Paese d’origine  per rapporti omosessuali  –  Grave ingerenza nella  vita privata dei cittadini omosessuali  – Situazione oggettiva di persecuzione – Grave danno – Configurabilità (artt. 17 e ss.  d.lgs. 251/2007)

(nota a cura di  Luigi Migliaccio)

 

 “il codice penale del Ghana, agli artt. 104 e ss. punisce i rapporti omosessuali con la reclusione da 5 a 25 anni….”

Considerata (come si evince dalla consulenza tecnica) che la reazione emotiva dell’interessato “risulta del tutto congruente con il racconto dei fatti esposti, (…) che appare riferibile, con nesso di causalità, agli eventi esposti dal soggetto …”.  Può configurarsi quella nozione di grave danno, che giustifica la protezione sussidiaria, dovendosi considerare il Ghana un paese insicuro per l’appellante”

 

Testo integrale

Corte d’Appello di Napoli, Sez. Persone e Famiglia. 2.4.2014. Protezione sussidiaria

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi