Sezione: P.A.

Contratti con PA, forma scritta

Contratti con la Pubblica amministrazione: le ragioni dell’obbligo della forma scritta / Cassazione / La sentenza n. 20690/2016 sul valore (relativo) da attribuire al comportamento delle parti. Una società riceveva da una Asl piemontese l’affidamento del contratto di appalto per lavori di …

Responsabilità della P.A. per omissioni, cartella esattoriale

Giudice di Pace di Napoli, sentenza – – Responsabilità della P.A. – Onere controllo regolarità atti presupposti a cartella esattoriale da parte dell’ente impositore e del concessionario per la riscossione – omissione controllo – fonte di responsabilità della pubblica amministrazione – spese legali sostenute per ottenere l’annullamento delle cartelle esattoriali illegittime – risarcibilità in separato giudizio

Cani randagi, caduta con motociclo, responsabilità danni

Giudice di Pace di Napoli, sentenza del 27 novembre 2015  – – Randagismo – competenze tra i Comuni ed i Servizi veterinari delle ASL – caduta con motociclo a causa di branco di cani randagi – risarcimento danni – responsabilità dell’ ASL

Fauna selvatica, danni a veicoli in circolazione

Cassazione civile, sez. I 24 aprile 2015 – – Il danno da animali selvatici non è risarcibile ex art. 2052 c.c. ma ex art. 2043 c.c.. – Danni cagionati ai veicoli in circolazione dalla fauna selvatica – Responsabilità della P.A. a norma dell’art. 2052 cod. civ. – Esclusione

Arricchimento della P.A.: riconoscimento della utilità? Non serve

[Cassazione Civ., Sez. Un., sentenza 26 maggio 2015] Pubblica Amministrazione – Azione Ex Art. 2041 C.C. – Requisiti – …

Fisco: Fattura elettronica regolata ad hoc

Un regolamento ad hoc in vista della entrata in vigore dell’obbligo di fatturazione elettronica per tutta la pubblica amministrazione…

Incarichi senza copertura, risponde sindaco o dirigente

Il comune che incarica il professionista per la progettazione di un’opera pubblica ben può subordinare con una clausola ad hoc il pagamento del compenso …

Pericolo non segnalato, responsabilità della P.A., art. 2051 c.c.

Tribunale di Nola, sentenza del 24 ottobre 2014 – – –  Situazione di pericolo non segnalata – Responsabilità della P.A. – Art. 2051 c.c. // Microlesioni – Risarcimento danni – Criterio di liquidazione – Danno biologico – Danno stimato dal CTU in assenza di riscontro obiettivo e strumentale, disatteso dal giudice – Danno da ritardo

Pedone scivola su cubetto instabile della strada – Responsabilità P.A.

Cassazione, Sezione VI, sentenza del 23 ottobre 2014 – – –  Scivolamento dell’attuale ricorrente, all’epoca dei fatti minore, su un cubetto instabile della pavimentazione stradale “non visibile, né segnalato”, che gli aveva causato lesioni personali alla caviglia sinistra – Art. 2051 c.c.

PA: conferimento incarico all’avvocato, compensi, basta la procura

[TAR Puglia – LECCE Sez. 2^, sentenza del 14 ottobre 2014] La procura alla lite, infatti, quale negozio unilaterale di conferimento della rappresentanza in giudizio, si distingue sì dal contratto di patrocinio, negozio bilaterale, con il quale viene conferito l’incarico al professionista, ma, quando la stessa, conferita per iscritto dal cliente, ai sensi dell’art. 83 c.p.c., è accettata dal professionista con il concreto esercizio della rappresentanza giudiziale tramite atto difensivo sottoscritto, può configurare il contratto di patrocinio tra ente pubblico e professionista, soddisfacendone anche il requisito della forma scritta ad substantiam

Buca stradale, auto danneggiata: il Comune deve risarcire i danni

Giudice di Pace di Caserta, sentenza del 10 gennaio 2014 – –  Buca sul manto stradale – Assenza di segnalazione o dispositivo che ne indicasse la presenza – Responsabilità dell’Ente Comune ai sensi dell’art. 2051 c.c. – Sussistenza // Differenza tra art. 2051 c.c. e art. 2043 c.c.

Derubato e malmenato in parco pubblico, no responsabilità P.A.

GIUDICE DI PACE DI AFRAGOLA, sentenza del 7 marzo 2013 – – – Derubato e malmenato in parco pubblico, no responsabilità P.A.

Pignoramento presso terzi, posizione banca quale terzo

Il pignoramento presso terzi: la posizione della banca quale terzo pignorato (Francesco Miele)

Responsabilità PA. Spostamento congiunto dal sepolcro

GIUDICE DI PACE DI MARIGLIANO, sentenza del 21 ottobre 2009. Diritto di sepolcro – Danneggiamenti – Giurisdizione G.O

P.A. – Pagamenti dopo 120 giorni, da notifica titolo esecutivo

Corte di Giustizia Comunità europee – Causa C 265/07, sentenza, 11.09.2008 –  P.A. – Pagamenti dopo 120 giorni, da notifica titolo esecutivo

Responsabilità per danno patrimoniale e all’immagine della P.A.

Responsabilità per danno patrimoniale e all’immagine della P.A.


.

RESPONSABILITÀ PER DANNO PATRIMONIALE E ALL’IMMAGINE DELLA P.A. (GRAVI E RIPETUTI COMPORTAMENTI ANTIDOVEROSI PER ABUSO D’UFFICIO) – FATTISPECIE – SUSSISTE
..
[Corte dei conti, Trentino Alto Adige, Sez. Giur. Bolzano, sentenza n. 28 dell’1.6.07]
.
______________________________________
.
.
Nella fattispecie il sig. XXXX
per finalità del tutto estranee ai propri compiti d’ufficio, aveva abusato della propria posizione per addebitare alla propria amministrazione di appartenenza costi indebiti per ore straordinarie mai effettuate, assentandosi altresì ingiustificatamente dal proprio servizio per curare i propri interessi privati, in ordine ai quali usufruiva anche delle strutture del proprio ufficio.” >>
.
_____________
Nella Sentenza
<<… Quanto al presupposto soggettivo della responsabilità amministrativa, afferma il requirente che “la sussistenza dell’elemento psicologico delle fattispecie dannose caratterizzate da dolo, ovvero dalla consapevolezza del convenuto che i propri comportamenti antidoverosi erano idonei a cagionare danno alla propria amministrazione, è insito nelle concrete modalità dell’azione.” …>>
<<… “il comportamento processuale di una parte può costituire anche unica fonte di prova e convincimento, o comunque elemento di valutazione delle prove già acquisite al processo; pertanto, la circostanza che il convenuto non abbia risposto all’invito a dedurre, né si sia costituito in giudizio o abbia inviato memorie personali dopo la notificazione dell’atto di citazione può essere interpretata come sostanziale ammissione dei fatti a lui contestati.” …>>
<<… l’azione di responsabilità amministrativa contabile non è solo finalizzata al recupero del pregiudizio patrimoniale subito dalla P.A., ma si prefigura di garantire interessi ulteriori quale appunto l’immagine, la cui tutela riveste per le persone giuridiche la stessa rilevanza che per le persone fisiche assume il rispetto del diritto al proprio buon nome e alla propria reputazione. Ne consegue che il danno all’immagine della P.A. è un danno esistenziale che si produce nello stesso momento in cui viene accertata la commissione di azioni o omissioni illecite, che per la loro gravità e per la loro rilevanza sociale non possono che compromettere il decoro dell’amministrazione dalla quale il funzionario infedele dipende. Al riguardo è stato autorevolmente precisato che “la lesione dell’immagine è un effetto diretto ed immediato dell’accertamento dell’abuso della pubblica funzione” che causa “secondo comune esperienza, un deterioramento del rapporto di fiducia tra la cittadinanza e l’istituzione pubblica, la quale viene percepita come entità non affidabile, talvolta finanche nemica, finita nelle mani di soggetti dediti a perseguire soltanto illeciti interessi particolari…” (Corte conti, Sez. II, 26.1.2004, n. 27/A). Il diritto all’immagine leso, pur inerendo ad un bene immateriale, è tuttavia suscettibile di valutazione economica e il conseguente danno subito dalla P.A. si traduce in un pregiudizio che deve essere quantificato. L’entità del danno può essere desunta da criteri oggettivi, attinenti alla gravità dell’illecito commesso in relazione, tra l’altro, alle modalità della sua perpetrazione, da criteri soggettivi, relativi alla collocazione che il responsabile ha nell’organizzazione amministrativa ed alla sua capacità di rappresentare l’Amministrazione …>>
.
.
______________
.
Per leggere la Sentenza
vai alla Fonte www.cortedeiconti.it