TAR, contributo unificato, multiplo, motivi aggiunti

Corte di Giustizia Europea, cause riunite C-61-14 (Orizzonte salute), pronuncia del 6 ottobre 2015, emessa su richiesta del TAR Trento – – Appalti pubblici – Contributo unificato per motivi aggiunti – ammissibilità – dispensa dall’obbligo di pagamento di tributi giudiziari cumulativi …


 

 

 

 

Corte di Giustizia Europea, Quinta Sezione, cause riunite C-61-14 (Orizzonte salute), pronuncia del 6 ottobre 2015, emessa su richiesta del TAR Trento

Contributo unificato per motivi aggiunti – ammissibilità – dispensa dall’obbligo di pagamento di tributi giudiziari cumulativi – valutazione del giudice nazionale dell’eventuale ampliamento considerevole dell’oggetto della controversia già pendente

 

.

Nella sentenza:

(omissis)
“la Corte (Quinta Sezione) dichiara:

1) L’articolo 1 della direttiva 89/665/CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1989, che coordina le disposizioni legislative, regolamentari e amministrative relative all’applicazione delle procedure di ricorso in materia di aggiudicazione degli appalti pubblici di forniture e di lavori, come modificata dalla direttiva 2007/66/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell’11 dicembre 2007, nonché i principi di equivalenza e di effettività devono essere interpretati nel senso che essi non ostano a una normativa nazionale che impone il versamento di tributi giudiziari, come il contributo unificato oggetto del procedimento principale, all’atto di proposizione di un ricorso in materia di appalti pubblici dinanzi ai giudici amministrativi.

2) L’articolo 1 della direttiva 89/665, come modificata dalla direttiva 2007/66, nonché i principi di equivalenza e di effettività non ostano né alla riscossione di tributi giudiziari multipli nei confronti di un amministrato che introduca diversi ricorsi giurisdizionali relativi alla medesima aggiudicazione di appalti pubblici né a che tale amministrato sia obbligato a versare tributi giudiziari aggiuntivi per poter dedurre motivi aggiunti relativi alla medesima aggiudicazione di appalti pubblici, nel contesto di un procedimento giurisdizionale in corso. Tuttavia, nell’ipotesi di contestazione di una parte interessata, spetta al giudice nazionale esaminare gli oggetti dei ricorsi presentati da un amministrato o dei motivi dedotti dal medesimo nel contesto di uno stesso procedimento. Il giudice nazionale, se accerta che tali oggetti non sono effettivamente distinti o non costituiscono un ampliamento considerevole dell’oggetto della controversia già pendente, è tenuto a dispensare l’amministrato dall’obbligo di pagamento di tributi giudiziari cumulativi.”

 

.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi